La Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane

Valorizzare l’arte e l’architettura contemporanee
e promuovere la creatività per costruire un’identità collettiva
e per riqualificare le periferie urbane
 

La Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane (DGAAP) è l’ufficio del MiBACT dedicato alla contemporaneità.

I suoi OBIETTIVI sono di promuovere e sostenere l’arte e l’architettura contemporanee, a cui si aggiunge la “mission” di avviare processi di riqualificazione delle periferie urbane.

Promuovere e valorizzare, sostenere e incrementare, conoscere e tutelare sono le AZIONI attraverso cui la DGAAP porta avanti la sua missione.

Le arti visive nella loro accezione più ampia (pittura, scultura, fotografia, video, installazioni, performance, etc), l’architettura e il design nonché la riqualificazione delle periferie urbane, sono gli AMBITI di competenza.

Le istituzioni, il patrimonio pubblico, i talenti creativi (artisti, fotografi, architetti, designer, etc), le nuove generazioni, gli studenti e gli studiosi ne sono i SOGGETTI, sempre nell’ottica di fornire al destinatario ultimo – il cittadino – la migliore fruizione possibile e di contribuire alla crescita culturale del nostro Paese.

L’azione della DGAAP si attua attraverso una serie di STRUMENTI: l’attuazione di leggi e di programmi su cui ha esclusiva competenza, gli accordi che stabilisce con altre realtà istituzionali e non, l’ideazione di iniziative specifiche, la partecipazione e il supporto ad attività, l’incentivo a progetti di ricerca.

I RISULTATI dell’azione della DGAAP si concretizzano nella realizzazione di concorsi e committenze, acquisizioni, progetti di formazione, mostre ed eventi, progetti di ricerca e molto altro.

La DGAAP è stata istituita con DPCM 171/2014 (art. 16 c 4 e ssmm) ed è operativa da febbraio 2015.

Leggi di più

In particolare, il Direttore generale AAP:

a) esprime il parere, per il settore di competenza, sui programmi annuali e pluriennali di intervento proposti dai titolari degli uffici dirigenziali periferici e dai segretari regionali, sulla base dei dati del monitoraggio dei flussi finanziari forniti dalla Direzione generale Organizzazione e dalla Direzione generale Bilancio;

b) elabora, anche su proposta dei titolari degli uffici dirigenziali periferici, sentita la Direzione generale Educazione e ricerca, i programmi concernenti studi, ricerche ed iniziative scientifiche in tema di inventariazione e catalogazione delle opere di arte e architettura contemporanee;

c) promuove la qualità del progetto e dell’opera architettonica e urbanistica; partecipa all’ideazione di opere pubbliche o fornisce consulenza alla loro progettazione, con particolare riguardo alle opere destinate ad attività culturali o a quelle che incidano in modo particolare sulla qualità del contesto storico-artistico e paesaggistico-ambientale;

d) dichiara l’importante carattere artistico delle opere di architettura contemporanea, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 20 della legge 22 aprile 1941, n. 633, e successive modificazioni, e dell’articolo 37 del Codice;

e) ammette ai contributi economici le opere architettoniche dichiarate di importante carattere artistico e gli interventi riconosciuti di particolare qualita’ architettonica e urbanistica ai sensi dell’articolo 37 del Codice;

f) sentita la Direzione generale Educazione e ricerca, promuove la formazione, in collaborazione con le universita’, le Regioni e gli enti locali, in materia di conoscenza della cultura e della qualita’ architettonica, urbanistica e del paesaggio, nonche’ dell’arte contemporanea;

g) promuove la conoscenza dell’arte contemporanea italiana all’estero, fatte salve le competenze del Ministero degli affari esteri e d’intesa con il medesimo;

h) promuove la creativita’ e la produzione artistica contemporanea e ne diffonde la conoscenza, valorizzando, anche mediante concorsi, le opere di giovani artisti;

i) esercita le funzioni di indirizzo e, d’intesa con la Direzione generale Bilancio, di vigilanza, su ogni soggetto giuridico costituito con la partecipazione del Ministero per finalita’ attinenti agli ambiti di competenza della Direzione generale;

l) fornisce per le materie di competenza il supporto e la consulenza tecnico-scientifica agli uffici periferici del Ministero;

m) elabora proposte e cura l’istruttoria propedeutica alla partecipazione del Ministro al coordinamento delle politiche urbane attuate dalle amministrazioni centrali interessate attraverso il Comitato interministeriale per le politiche urbane (CIPU) di cui all’articolo 12-bis del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134; cura e coordina, anche tramite gli uffici periferici del Ministero, la concertazione con le Regioni e con le autonomie locali, nella prospettiva della crescita, dell’inclusione sociale e della coesione territoriale, al fine della promozione e della realizzazione di programmi e piani di rigenerazione urbana e di riqualificazione, anche ambientale, delle periferie urbane, anche nel quadro della programmazione nazionale e regionale dei fondi europei;

n) promuove iniziative di riqualificazione e valorizzazione delle periferie urbane, anche tramite apposite convenzioni con enti territoriali ed enti locali, universita’ e altri soggetti pubblici e privati.

o) vigila sulla realizzazione delle opere d’arte negli edifici pubblici ai sensi delle legge 29 luglio 1949, n. 717, e successive modificazioni.

La Direzione generale Arte e architettura contemporanee e periferie urbane costituisce centro di responsabilità amministrativa ai sensi dell’articolo 21, comma 2, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, e successive modificazioni, ed e’ responsabile per l’attuazione dei piani gestionali di competenza della stessa.

La Direzione generale Arte e architettura contemporanee e periferie urbane si articola in due uffici dirigenziali di livello non generale centrale, individuati nell’allegato n. 3 “Unità dirigenziali non generali e relative attribuzioni del Segretariato Generale e delle Direzioni Generali dell’Amministrazione Centrale del Ministero” del Decreto Ministeriale del 27 novembre 2014.

La Direzione generale Arte e architettura contemporanee e periferie urbane esercita il coordinamento e le funzioni di indirizzo e, d’intesa con la Direzione generale Bilancio, di vigilanza, sulla Fondazione MAXXI, sulla Quadriennale di Roma e la Triennale di Milano, anche ai fini dell’approvazione, su parere conforme della Direzione Bilancio, del bilancio di previsione, delle relative proposte di variazione e del conto consuntivo. La Direzione generale assegna, altresì, d’intesa con la Direzione generale Organizzazione e la Direzione generale Bilancio, le risorse umane e strumentali ai suddetti Istituti. Presso la Direzione generale opera il Comitato tecnico-scientifico per l’arte e l’architettura contemporanee di cui all’art. 26 del DPCM 29 agosto 2014, n. 171, recante il nuovo Regolamento di organizzazione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.